caroline

Un articolo di caroline, aggiunto il 14 ottobre 2020 4 min. lettura

Ufficio del turismo di Grand Roissy: Puoi darci una breve panoramica del tuo background professionale?

Laurent Hartenstein: Dopo aver conseguito un BTS presso la scuola alberghiera di Strasburgo e poi un Master in ingegneria commerciale all'ISEG di Strasburgo, ho iniziato la mia carriera presso Louvre Hotels come assistente esecutivo e rapidamente ho assunto la gestione di un albergo-ristorante KYRIAD sotto mandato di gestione. Dopo 10 anni da solo, ho scelto di entrare a far parte del gruppo Pierre et Vacances per l'apertura di un residence alberghiero CITEA a Charenton. Ho quindi colto l'opportunità di creare un dipartimento Risorse Umane presso CITEA per riqualificarmi e ho ottenuto la posizione di HRD per il gruppo per gestire i 500 dipendenti delle 50 residenze in Francia. Il nostro gruppo è stato poi acquistato da ADAGIO e mi è stata affidata la gestione internazionale delle risorse umane di 100 residenze in tutto il mondo con 1300 dipendenti. Dopo alcuni anni in questa posizione, ho preso in carico la chiusura operativa delle risorse umane di Pullman Montparnasse per entrare finalmente a far parte del Mercure CDG Airport & Convention come HRD, desideroso di entrare in campo e quindi essere al centro delle operazioni .

Laurent Hartenstein, amministratore delegato del Mercure Paris CDG Airport & Convention.

Hai assunto le tue funzioni appena prima del parto; quali sono le tue prime impressioni sulla regione e l'impatto del Covid sul tuo hotel?

Ho infatti svolto una missione di sostituzione del management dall'inizio di novembre 2019. Ho avuto modo di incontrare i team quando sono entrato in carica come HRD. Il nostro anno 2020 era iniziato bene, l'attività c'era, la qualità stava migliorando e molti progetti sono stati annunciati. L'imprevisto è accaduto; tuttavia il nostro hotel è sempre rimasto aperto, ne siamo molto orgogliosi e le squadre si sono mobilitate per garantire che i clienti siano sempre i benvenuti. È stato impressionante vedere l'aeroporto fermo ... questo tempo sospeso. Ovviamente l'attività si è notevolmente ridotta, gli spettacoli sono stati cancellati, i seminari rinviati e la clientela fin troppo rara. Ci siamo adattati, la nostra priorità è la sicurezza dei nostri clienti e dipendenti. L'etichetta ALLSAFE ha premiato il lavoro svolto dai nostri team e rassicurato i nostri clienti. Oggi abbiamo adattato le nostre "ali" alla nostra attività, anche se il futuro rimane incerto, continuiamo il nostro viaggio andando avanti insieme.

Il Mercure Airport & Convention rimane emblematico per la nostra regione: è il primo hotel ad essere aperto a Roissy nel… 1974. Qual è la tua roadmap per Mercury? Ci sono novità in arrivo?

L'hotel sorgeva orgogliosamente nel 1974… lo stesso anno della costruzione dell'aeroporto di Roissy. Basti pensare che il nostro coinvolgimento con la città di Roissy non risale a oggi. D'ora in poi, la mia prima roadmap è continuare ad accogliere i nostri clienti con i team che fanno il DNA del nostro stabilimento. Rimanere sulla rotta ... superare la sporgenza del 2021 e pianificare una buona ripresa nel 2022. Non appena le condizioni sanitarie lo consentiranno, condivideremo con voi la nostra moltitudine di progetti.

Grazie a Laurent Hartenstein, direttore generale del Mercure Paris CDG Airport & Convention, per aver risposto alle nostre domande!