Caroline

Un articolo di Caroline, aggiunto il 10 giugno 2021 2 min. lettura

Un nuovo periodo di reclusione parziale è stato deciso dal governo all'inizio di aprile 2021, limitando i viaggi per motivi impellenti. In questo contesto, la performance degli hotel è ancora una volta in calo.

Va comunque rilevato che il confinamento è stato totale ad aprile 2020, il che consente di registrare ad aprile 2021 tassi di occupazione superiori a quelli di aprile 2020. I prezzi medi, invece, sono in calo del 31,5%.

La performance degli hotel è rimasta molto bassa ad aprile 2021, sia in termini di tasso di occupazione che di prezzo medio, in tutti i segmenti alberghieri. Il traffico aereo è ancora molto ridotto, a causa della limitazione dei viaggi internazionali, e ancora più a lungo raggio.

Il segmento 1/2 stelle è quello che resiste meglio, con un tasso di occupazione del 31,2% e un cumulato del 36,1% nei primi 4 mesi, grazie alla presenza di clienti PMI business. È anche quello che ha fatto i maggiori progressi nel periodo.

Le aree di Disney e La Défense sono ancora gravemente colpite, con tassi di occupazione rispettivamente del 6,3% e del 13,6% dall'inizio del 2021, in calo rispettivamente di 33,8 punti e 21,6 punti. Il parco divertimenti non dovrebbe riaprire prima di giugno, mentre il mercato La Défense è fortemente penalizzato dalle severissime restrizioni agli spostamenti per i clienti internazionali e i grandi clienti.

Per trovare il rapporto completo, fare clic su qui.

Questo osservatorio è stato istituito dall'Ufficio del Turismo di Grand Roissy in collaborazione con MKG.