Un articolo di Vokya D, aggiunto il 14 dicembre 2023 4 min. lettura

L'aeroporto di Parigi-Charles de Gaulle diventa il secondo aeroporto al mondo, dopo Istanbul, ad accogliere i turisti cinesi con una cerimonia dedicata e strutture specifiche.

Il 4 dicembre 2023, a cerimonia inaugurale del “China Tourist – Friendly Airport” ha avuto luogo all'aeroporto di Parigi-Charles de Gaulle per celebrare l' 60e anniversario delle relazioni diplomatiche sino-francesi et l’Anno sino-francese del turismo culturale. All'evento erano presenti il ​​ministro Chen Dong dell'ambasciata cinese in Francia, Augustin de Romannet, amministratore delegato dell'autorità aeroportuale di Parigi, nonché il famoso pianista Lang Lang, il suonatore di erhu Kokang e il conduttore Julian.

Sotto la guida di Charles de Gaulle: una storia diplomatica eccezionale

Era sotto la presidenza di Charles de Gaulle che la Francia ha scritto una pagina di storia nel 1964, diventando la primo paese occidentale a stabilire relazioni diplomatiche con la Cina. Sessant'anni dopo, l'aeroporto Charles de Gaulle si impegna a perpetuare questo patrimonio trasformandosi in un luogo accogliente, particolarmente adatto alle esigenze dei viaggiatori cinesi.

Una trasformazione ponderata e adattata

Questa metamorfosi non è priva di sfide. Ha chiesto a stretta collaborazione con gli aeroporti cinesi. D'ora in poi, all'aeroporto Parigi-Charles de Gaulle, Ogni segnale e segnaletica mostra informazioni in cinese. Dai dettagli dei voli agli annunci di viaggio in tempo reale da e per la Cina. Anche dettagli così minuti in quanto si tiene conto della disponibilità di acqua calda, incontrando così le preferenze dei turisti cinesi. Il sito web ufficiale dell'aeroporto, i video informativi del terminal, i rimborsi fiscali, il check-in, i distributori automatici, tutto ora ha un'interfaccia cinese.

Una necessità pratica ed economica

L'iniziativa “Aeroporto turistico cinese – amichevole” soddisfa una necessità pratica, soprattutto in considerazione del ruolo centrale dell’aeroporto Charles de Gaulle come principale punto di ingresso per i turisti cinesi in Francia e in Europa. Nel 2019, il numero di turisti cinesi in Francia ha raggiunto il record di 2,2 milioni, generando entrate sostanziali di 3,5 miliardi di euro (3,76 miliardi di dollari). Tuttavia, con la pandemia di COVID-19, questi numeri sono scesi solo a un terzo del livello precedente.

Una nuova era sino-francese con le Olimpiadi del 2024

Il 24 novembre 2023, la Cina ha compiuto un passo significativo consentendo ai titolari di passaporti ordinari di sei paesi, tra cui la Francia, di entrare in Cina senza visto dal 1er Da dicembre 2023 al 30 novembre 2024, per turismo d'affari, svago, visite familiari o in transito per un periodo massimo di 15 giorni. Questa decisione dovrebbe contribuire a ripristinare la normalità del turismo sino-francese. Le Olimpiadi del 2024 a Parigi rappresentano una grande opportunità per la rinascita del turismo bilaterale tra Cina e Francia. Con l'attesa di un milione di visitatori internazionali a Parigi durante i Giochi, I turisti cinesi diventano una clientela essenziale per il turismo francese. La Cina rimane la principale fonte di turisti dal continente asiatico alla Francia 

Un riavvicinamento culturale, turistico e storico

Sessant'anni fa, i turisti francesi in Cina erano quasi inesistenti, ma oggi lo è la Francia una delle fonti più importanti di turisti che viaggiano in Cina. L’iniziativa “China Tourist – Friendly Airport” al CDG di Parigi ha lo scopo di catalizzare una nuova ondata di fruttuosi scambi culturali e turistici tra Cina e Francia, consolidando così ulteriormente i legami tra queste due nazioni. CDG, molto più di un semplice aeroporto, è testimone di un rapporto in continua evoluzione e di un'amicizia duratura tra le due grandi nazioni.