La Via di Compostela passa attraverso Écouen

Se parliamo comunemente di "il Camino de Santiago», Tuttavia non c'è uno e solo uno ma diversi sentieri che portano a Santiago de Compostela in Galizia (Spagna). 
Molte di queste rotte, provenienti dal nord Europa, attraversano Écouen.
Prima di presentarti il ​​percorso, alcune informazioni sulla storia di questo percorso ...

Da quanto tempo esiste il Chemin de Compostelle?

La strada per Saint-Jacques-de-Compostelle è nata nel IX secolo. Nel Medioevo, in omaggio all'apostolo San Giacomo il Maggiore, si intensificarono i pellegrinaggi. Nel 1130, un monaco del Poitou, Aymeric Picaud, descrisse per la prima volta i sentieri. Il suo testo guida fa parte del Codex Calixtinus.
Dal 1993, il Camino francés Spagna è un sito del patrimonio mondiale dell'Unesco. Nel 1998 sono stati aggiunti 71 edifici e 7 sezioni del GR 65 in Francia. Il Camino de Santiago è classificato come il primo grande itinerario europeo dal Consiglio culturale d'Europa.

Chi è San Giacomo il Maggiore?

È uno dei dodici apostoli visti vicino a Gesù Cristo sulle rappresentazioni dell'Ultima Cena. Nella statuaria e nella pittura, lo rappresentiamo portando il calabrone del pellegrino (il bastone) e il conchiglia.

Chi sono i pellegrini?

Se tutti i pellegrini camminano verso la cattedrale di Santiago de Compostela, le loro motivazioni sono diverse e varie : ragioni spirituali o sportive, ricerca di sé o sete di incontri.

Perché i pellegrini indossano una conchiglia?

Ci sono diverse leggende attorno a questa shell. Ma quello che sappiamo è quello conchiglia Saint-Jacques che le jacquets portate dalle coste della Galizia erano la prova del loro lungo viaggio. Per ragioni simboliche, la conchiglia si impose come attributo dell'apostolo e quindi prese il nome di Saint-Jacques. Appeso al cappello, alla borsa o al mantello, diventerà l'emblema di pellegrini di Santiago de Compostela e anche di tutti Pèlerins.

che cosa Le credenziali ?

Da un punto di vista storico, si tratta di una lettera di credito data al pellegrino del Medioevo perché possa passare senza ostacoli i numerosi controlli che all'epoca segnavano le strade fino alla Galizia. In precedenza, rilasciato solo dalle autorità religiose, si chiamava, ed è ancora chiamato " il creditore '.

Nel 1958, la Società francese degli amici di Saint Jacques creò l'equivalente laico: la credenziale, un documento identico al Créanciale nella sua funzione. Permette al pellegrino di:

  • Giustifica il tuo stato,
  • Accesso all'alloggio
  • Tieni un registro cronologico del suo viaggio grazie alle riserve dei vari alloggi o uffici turistici delle città in cui trascorre la notte.

A Écouen, due francobolli saranno offerti ai pellegrini: un rappresentante il castello e l'altro la chiesa di Saint-Acceul. I pellegrini possono scegliere l'uno o l'altro. Questi francobolli saranno disponibili presso l'Ufficio del Turismo e il municipio.

Dove va il Chemin de Compostelle à Écouen?

Provenendo da Mesnil-Aubry di Chemin du Buquet, seguirete la percorso segnato con chiodi di bronzo tradizionali e prendere rue du Four Gaudon, rue de la Grande Fontaine, rue Aristide Briand quindi rue du Maréchal Leclerc. Salendo in rue Schenck, vedrai il castello. Devi quindi girare in rue Jean Bullant per ammirare le vetrate della bella chiesa di Saint-Acceul, quindi continuare il percorso verso rue Paul Lorillon senza dimenticare di fermarti all'Ufficio del Turismo o al municipio per avere il timbro del comune apposto sulla sua credenziale. Infine, devi andare verso la foresta prendendo la corsia del mercato e poi l'Allée des Princes.

Questo viaggio testimonia il desiderio di dare vita al centro città e ai negozi offrendo agli escursionisti una passeggiata nella storia ...

Chiama gli Ecouennai per accogliere i pellegrini

La sistemazione a Écouen è essenziale per consentire alla nostra città di diventare una città di sosta sul Chemin de Compostelle. Essere una città di sosta consente ai pellegrini di fermarsi e sfruttare appieno il patrimonio storico e culturale.

Che tu sia un pellegrino o meno, puoi dare il benvenuto a un pellegrino che desidera fare una sosta nella nostra città ... Se desideri incontrare questi escursionisti, ti preghiamo di farcelo sapere a l'ufficio turistico. Gli agenti saranno in grado di trasmettere i tuoi dati di contatto ai pellegrini.

Questo lavoro è stato svolto in collaborazione con l'associazione Compostela 2000.